Lunga Vita Festival: al Museo della Civiltà arriva l’artista dodicenne Aelita Andre

Aggiornamento:

New York, Hong Kong, San Pietroburgo, Miami, Melbourne. Avere dodici anni ed esporre in giro per il mondo: è la storia di Aelita Andre. Per la prima volta a Roma arriva la Pollock del terzo millennio.

Aelita Andre

Comunicato – Proseguono gli appuntamenti internazionali con il teatro e l’arte nell’ambito del Lunga Vita Festival, che il prossimo 20 giugno ospiterà al Museo delle Civiltà di Roma, un’artista di soli dodici anni e di cui già si parla in tutto il mondo: Aelita Andre. Definita da molti come il nuovo Pollock, Aelita è una pittrice, scultrice ed espressionista magica, che ha iniziato a dipingere a soli nove mesi ed esposto le sue opere dall’età di due anni. Molte città del mondo, tra cui New York, Hong Kong, San Pietroburgo, Miami e Melbourne hanno ospitato le sue opere.

In arrivo per la prima volta a Roma, l’australiana Aelita incontrerà il pubblico e presenterà la sua opera realizzata in occasione del progetto “O’Manifest” del Napoli Teatro Festival. La pittrice ama definire il suo stile unico, Magical Abstraction, la fusione tra astrattismo e un’immaginazione che riesce a far risaltare ogni sorta di oggetti, animali mitici e creature fantastiche, sistema solare, galassie e pianeti in un personalissimo modo di concepire l’arte moderna.

Altro elemento vitale per le sue opere è il suono che fa vibrare nei suoi Touch-paintings, attraverso il tatto, e nei suoi Sound-paintings, violini dipinti da soli o montati sulle sue opere, arrivando ad una composizione musicale casuale. Le sue opere possono essere paragonate ad un paesaggio onirico e sonoro: colori e suoni che evocano un viaggio misterioso in mondi inesplorati.

 «Per me l’intero universo è una sinfonia cosmica» – racconta Aelita – «con tutto ciò che comprende, le galassie, i pianeti, le stelle. È come se l’Universo fosse una gigantesca sala da concerto e ogni galassia, pianeta stella e atomo fosse un musicista che canta in un’armonia cosmica. L’Universo sembra silenzioso e siamo sordi di fronte alla sinfonia cosmica. Il mio desiderio è proprio quello di dare visione e sonorità a ciò che non riusciamo a percepire».

Museo delle Civiltà, Piazza Guglielmo Marconi, 14 Roma
Giovedì 20 giugno 2019, ore 17:30
Informazioni: 348 9263558 – [email protected] – www.lungavitafestival.com

Biglietti in Vendita su www.ticket.it
Abbonamenti in base al Reddito ISEE e Biglietto Sospeso

Precedente "The Gazelles of Silvana", la mostra dedicata al centro di accoglienza Passy’s Kids Successivo Jack & The Delivery Man, dal 15 giugno l'album omonimo. In rotazione radiofonica il singolo "Chasing the Footsteps"

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.