“Anfotero”, sul palcoscenico del Teatro Ivelise la diversità è un valore

Un racconto di crescita, fatto di incontri, difficoltà, cose belle e altre meno piacevoli.

“Anfotero”

Giorgio Volpe, regista e attore che negli scorsi anni ha partecipato attivamente alla crescita artistica dell’Ivelise, torna sul palco dello storico teatro con Anfotero.

L’opera, che vedrà per la prima volta luce venerdì 1 febbraio, con un grande e atteso debutto, replicherà fino a domenica 3 febbraio, affronta il tema della “diversità”.

Anfotero, scritto e diretto da Giorgio Volpe vedrà nel cast lo stesso Volpe insieme a Deialnira Russo e con la voce di Camillo Grassi.

Sinossi
Anfotero è un insieme di frammenti di vita quotidiana che Andrea e Lorenzo raccontano interpretando le varie situazioni presentate dallo spettacolo. Un racconto di crescita, fatto di incontri, difficoltà, cose belle e altre meno piacevoli. Questi frammenti di vita quotidiana puntano a far emergere alcune fra le tante realtà individuali che costituiscono l’ampio ventaglio della diversità. “La diversità è un valore, non un fastidio da nascondere o, peggio, da negare” (Marco Cattaneo, direttore di National Geographic Italia): questo è il concetto che Anfotero mira a diffondere.

Per informazioni:
Tel: 06 8952 7016 www.teatroivelise.it – www.facebook.com/teatroivelise

Precedente "Heirs – I folli eredi", due fratelli e due sorelle in lotta per l’eredità del defunto padre Successivo Marcello Affuso, la poesia come conato di vita e urgenza assoluta in “Cortocircuito”

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.