“Aspetterò Febbraio”, il nuovo singolo di Luca Carocci (VIDEO)

“Ho pensato alla consapevolezza, alla bellezza dell’essere diversi, unici, non uniformati – racconta Luca Carocci. E ho pensato alla forza di sapersi ascoltare, al dovere di riconoscersi e alla curiosità di riconoscere finalmente nel diverso un’opportunità”.

Cover “Aspetterò Febbraio” di Luca Carocci | Foto: Tamara Casula

“Aspetterò Febbraio”, il nuovo singolo di Luca Carocci, è disponibile in tutti i digital store e in rotazione radiofonica da venerdì 15 febbraio.

A tre anni da “Missili e somari”, Carocci torna con un brano che parla di unicità e di resistenza. Febbraio è il mese che concede un prologo di primavera. È il mese che scollina dal buio e accenna se non una vittoria, almeno un pareggio verso l’equinozio. La speranza di un po’ più di luce arriva proprio a febbraio.

“Mi tolgo dalla maschera che porto tutto l’anno questa nuvola di fumo…” 

“Ho pensato alla consapevolezza, alla bellezza dell’essere diversi, unici, non uniformati – racconta Luca Carocci. E ho pensato alla forza di sapersi ascoltare, al dovere di riconoscersi e alla curiosità di riconoscere finalmente nel diverso un’opportunità. Ecco perché ho scelto il carnevale, una delle ricorrenze prese troppo alla leggera, l’unico giorno in cui si rende tangibile e si sdogana il concetto di maschera. Ed è per questo che carnevale diventa l’unico giorno in cui ciascuno di noi, forse, è davvero libero di essere sé stesso”.

“Aspetterò Febbraio” è scritta da Luca Carocci e gaLoni, arrangiata da Roberto Angelini e suonata da Carocci (chitarra e basso), Angelini (pedalsteel) e Jose Ramon Caraballo Armas (percussioni e tromba). Ai cori, Angelini, gaLoni, Marco Fabi, Michael Di Genova e Jacopo Santostefano.

Luca Carocci
Fin da giovanissimo suona la chitarra, canta e scrive. Pubblica nel 2014 il suo esordio cantautoriale dal titolo “Giovani Eroi” per l’etichetta “Fiorirari”, una raccolta di canzoni scritte da Luca Carocci in quindici anni di viaggi attorno al mondo realizzata con la produzione artistica di Gnut e la collaborazione di Roberto Angelini e Daniele “Mr. Coffee” Rossi. Come chitarrista suona live con Gnut, Margherita Vicario, The Niro, Operja Criminale, Enrico Pezza, Los  Santos (Canarie), Cmil Buch (Argentina). Nel 2016 esce per “Fiorirari”, con la produzione esecutiva di Pietro Sermonti e artistica di Filippo Gatti, il suo secondo album, “Missili e Somari”. Nelle registrazioni Luca Carocci coinvolge altri artisti: Margherita Vicario, Francesco Forni, Roberto “Bob” Angelini, Bianco, e i due musicisti d’eccezione, Fabio Marchiori e Fabio Rondanini. Con il suo brano “Le rose e i limoni” partecipa come finalista a Musicultura 2016 ed è presente nel disco “Cantautori per Amatrice”, finalista al Premio Tenco 2018 nella categoria Album collettivo a progetto. L’amore per la condivisione della musica lo porta a creare occasioni di incontro come “La festa del brigante” ad Artena, “Santamaria Folkfest” a ‘Na Cosetta, dove insieme a Francesco Forni conduce anche il format mensile “Zelo in condotta”, arrivato alla sua terza edizione: in ogni puntata un diverso ospite musicale per un concerto a sei mani. Collabora con Marco Fabi come produttore presso lo Studio Verde. Attualmente Luca Carocci è al lavoro per il suo terzo disco.

Luca Carrocci su Facebook, Instagram e YouTube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.