Catanzaro, muore a venti metri dall’ospedale per l’ambulanza che non arriva

Un sistema ormai allo sbando più totale: ambulanze bloccate per l’impossibilità di liberare le barelle ancora occupate da altri pazienti i quali, a loro volta, sono “parcheggiati” nella lunga attesa di essere visitati. La denuncia del Codacons Calabria.

Comunicato Codacons Calabria – Ancora un disservizio sanitario, ancora una morte.

Questa la sintesi di una triste storia – si legge in una nota del Codacons – accaduta ieri sera a Catanzaro in Via Luigi Rossi. Praticamente a neppure venti metri dall’Ospedale “Pugliese-Ciaccio”.

Eppure nessuna ambulanza è riuscita a giungere in tempo per prestare adeguato soccorso al malcapitato.

Qualcuno sussurra che i soccorsi dovessero arrivare da Catanzaro Lido. Fosse così sarebbe francamente inaccettabile.

Solo qualche mese addietro denunciavamo – prosegue il Codacons – come «In Calabria mancano ambulanze e le persone rischiano di morire».

Un sistema ormai allo sbando più totale: ambulanze bloccate per l’impossibilità di liberare le barelle ancora occupate da altri pazienti i quali, a loro volta, sono “parcheggiati” nella lunga attesa di essere visitati.

Un “sistema” che impedisce ai mezzi di coprire il territorio perché impossibilitati a rientrare in possesso delle lettighe.

Le responsabilità sono evidenti e sotto gli occhi di tutti – afferma Francesco Di Lieto del Codacons – non si può rischiare di morire in pieno centro cittadino perché non ci sono ambulanze.

Altrove, invece, sono i medici a mancare e, in altri casi, mancano i farmaci. E la lista potrebbe continuare. Incredibile che tutto ciò accada esattamente nel posto in cui i manager delle Asp sono stati lautamente ricompensati dividendosi migliaia e migliaia di euro per “premi di risultato”.

Stiamo pagando il prezzo di una sanità mal gestita e depredata da lupi famelici, in un assordante silenzio, sempre più simile alla complicità, da parte della politica regionale. Siamo di fronte ad un horror gestionale che, paradossalmente, viene lodato e ricompensato.

Un sistema che continua a festeggiare nonostante si trovi sul ponte del Titanic.

E mentre si balla i pazienti muoiono e i medici e paramedici continuano a pagare per tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.