Coronavirus, la Lettera di Andrea Bocelli e sua moglie Veronica per il Teatro Politeama Pratese

“Il teatro è un luogo magico, al suo interno l’umanità si racconta ed esprime i propri valori”. La lettera integrale di Andrea Bocelli e sua moglie Veronica Berti al Teatro Politeama Pratese. Il presidente Maurizio Nardi: “Ci riempie il cuore di gioia”.

Comunicato – “In un momento come quello che stiamo vivendo, costretti a causa di una pandemia come il COVID-19 a sospendere ogni attività culturale di aggregazione come quella che si svolge all’interno dei nostri teatri e nel nostro in particolare, il Teatro Politeama Pratese, ci riempie il cuore di gioia – dice il presidente Maurizio Nardi – ricevere questa bellissima lettera da parte del Maestro Andrea Bocelli e sua moglie Veronica Berti”.

“Una lettera che ci vuole regalare un po’ di speranza, solidarietà e sostegno, una lettera che vi alleghiamo e che vogliamo condividere con il pubblico, non solo quello pratese”.

“Con Andrea Bocelli e Veronica – continua Nardi – due persone molto generose, mi lega da tempo una sincera amicizia. Con loro e la Fondazione che hanno fondato stiamo pensando a un progetto che, in futuro appena sarà possibile, possa coinvolgere il Teatro Politeama Pratese e altre realtà della Città di Prato. Ringrazio di cuore e con affetto a nome del Teatro, Andrea e Veronica Bocelli in attesa di averli presto ospiti da noi”.

La lettera integrale di Andrea Bocelli e sua moglie Veronica Berti

“Il teatro è un luogo magico, al suo interno l’umanità si racconta ed esprime i propri valori. Come l’acqua, anche il teatro è un bene primario: strumento per riconoscerci, per comprendere chi siamo, per ricordare le nostre radici e per valutare in quali direzioni muovere i prossimi passi. Resta, inoltre, la sede in assoluto più adeguata per usufruire di quella miniera di emozioni che è il repertorio lirico.

L’anno in corso ci ha destinato un inizio di primavera complesso e drammaticamente inedito, con teatri, scuole e chiese serrati. Ci ha precluso il sogno, la possibilità di godere di un simile strumento di civiltà. Perché il teatro è un traguardo sociale (come gli ospedali), è una preziosissima “porzione di casa” insieme intima e inviolabile, ma anche a disposizione
della comunità.

Auguriamo di tutto cuore che presto questo tempo sospeso finisca, e si possa riprendere a vivere una vita piena, compreso l’ingrediente prezioso di un’offerta culturale, da condividere tra le poltrone di un teatro. Auspichiamo che succeda presto, e che una realtà bella e vivace, qual è quella del Politeama Pratese, possa al più presto tornare ad illuminare la vita culturale e la sete di svago e di spettacolo e di ottimismo della nostra amata Toscana.

Al neopresidente Maurizio Nardi, al team del teatro, agli artisti e al grande pubblico pratese, il nostro più affettuoso saluto e l’incoraggiamento a non perdere l’entusiasmo, in questo delicato momento.

La storia ci insegna che scogli ben peggiori sono stati superati, talvolta con sorprendente rapidità. E sta a tutti noi creare i presupposti per una nuova partenza, nella speranza che sulle ceneri di un’esperienza luttuosa si possa costruire, insieme, un rinnovato Rinascimento, che spinga l’umanità a venirsi incontro, a creare e celebrare la bellezza non solo per se stessa ma per il bene comune”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.