“Destinazione Berlino”, visita guidata delle opere di Capodimonte deportate durante la seconda guerra mondiale

Sabato 25 gennaio alle ore 10:30 presso il Museo di Capodimonte in Via Miano 2, Napoli, ingresso porta piccola, ci sarà la visita guidata alle opere deportate dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale.

di Daniela Merola

“Destinazione Berlino”

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, nel 1940, grazie al soprintendente Bruno Molajoli, alcuni quadri della Pinacoteca di Napoli, fino al 1806 a Capodimonte, furono portati via dal Museo Archeologico Nazionale e ricoverati, insieme a molte altre opere d’arte di collezioni pubbliche e private presso palazzi, abbazie e altri luoghi, tra Napoli e dintorni, per preservarli da eventuali attacchi bellici.

Nel 1943, appena prima dello sbarco degli alleati nel golfo di Salerno le opere furono depositate presso l’Abbazia di Montecassino, luogo ritenuto più sicuro. Tuttavia, ritrovandosi l’abbazia sulla linea del fronte, le opere furono trasferite prima a Spoleto, presso la Villa Colle Ferretto, e successivamente a Castel Sant’Angelo a Roma, a cura della Kunstschultz, corpo della divisione “Göring” specializzato nella tutela dei manufatti d’arte. Un’altra parte delle casse viene trasportata sempre a Roma, a Palazzo Venezia, dove i soldati della Divisione “Göring” si fanno anche fotografare in posa, durante la cerimonia di restituzione delle opere alle autorità italiane, il 4 gennaio 1944.

Proprio i quadri della Pinacoteca di Napoli, tuttavia, furono dirottati dai tedeschi direttamente verso Berlino, per essere esposti nella villa personale di Hermann Göring: furono ritrovati alla fine della guerra in una miniera di sale ad Alt Aussée, presso Salisburgo, adibita a deposito di opere d’arte.

Il 13 agosto 1947 le opere poterono tornare in Italia e nelle settimane successive lo storico dell’arte Giorgio Castelfranco curò, nella sua veste di funzionario del Ministero della Pubblica Istruzione, la preparazione, l’allestimento e il catalogo della prima Mostra delle opere d’arte recuperate in Germania, che apre i battenti il 10 novembre 1947 presso la Farnesina a Roma e dove la Danae fu l’immagine simbolo.

Le opere tornarono a Napoli e collocate a Capodimonte con l’inaugurazione del nuovo museo nel 1957.

La visita guidata è gratuita. È necessario solo munirsi del biglietto d’ingresso al museo.Prenotazione obbligatoria:  [email protected] – 3209431770.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.