È la Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale

L’obbiettivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è quello di ridurre del 30% l’introito di sale entro il 2025.

Foto: www.worldactiononsalt.com

Promossa dalla World Action on Salt & Health – associazione istituita per migliorare la salute delle popolazioni attraverso la graduale riduzione dell’introito di sodio – dal 4 al 10 marzo 2019 ricorre la Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale.

Un consumo eccessivo di sale – si legge sul sito del Ministero della Salute – determina, infatti, un aumento della pressione arteriosa, con conseguente aumento del rischio di insorgenza di gravi patologie cardio-cerebrovascolari correlate all’ipertensione arteriosa, quali infarto del miocardio e ictus cerebrale. L’introito di sale è stato, inoltre, associato anche ad altre malattie cronico-degenerative, quali tumori dell’apparato digerente, in particolare quelli dello stomaco, osteoporosi e malattie renali.

“Let’s take salt off the menu” ovvero “togliamo il sale dai menù” è il tema dell’edizione 2019 che mira a promuovere l’azione dei vari stati a sensibilizzare l’opinione pubblica in merito agli effetti nocivi dell’eccessivo consumo di sale e incoraggiando le popolazioni a cambiare stile di vita alimentare.

L’obbiettivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è quello di ridurre del 30% l’introito di sale entro il 2025.

Le cinque azioni di WASH per ridurre il consumo di sale

  1. Usa erbe, spezie, aglio e agrumi al posto del sale per aggiungere sapore al tuo cibo.
  2. Scola e risciacqua verdure e legumi e in scatola mangia più frutta e verdura fresca.
  3. Controlla le etichette prima di acquistare per aiutarti a scegliere prodotti alimentari meno salati.
  4. Usa gradualmente meno sale nelle tue ricette preferite – le tue papille gustative si adatteranno.
  5. Togli dalla tavola sale e salse salate in modo che i più giovani della famiglia non si abituino ad aggiungere il sale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.