“LA VEDOVA in Vuoti nuziali”, il 25 novembre a Milano lo spettacolo di Marianna Miozzo

Vuoti nuziali | Foto: Enrico Maria Bertani

Domenica 25 ottobre (ore 20.30), nella Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, va in scena a Milano, presso lo Spazio Fattoria della Fabbrica del Vapore (via Procaccini, 4), nell’ambito di th!nk p!nk, rassegna sull’universo femminile diretta da Francesca Penzo di Fattoria Vittadini, “LA VEDOVA in Vuoti nuziali”, di Marianna Miozzo / Dancewoods con il supporto artistico dell’attore e regista Riccardo Palmieri, performance che denuncia con sarcasmo la precarietà della felicità e del desiderio.

LA VEDOVA è un ‘performing project’ che la coreografa e interprete Marianna Miozzo trasla in differenti modi all’interno della sua ricerca artistica. Non è un personaggio, ma una presenza, uno stato dell’essere che si manifesta attraverso la denuncia del cinismo verso chi cerca di rendere tollerabili aspetti inevitabili della vita come la perdita, la malinconia, l’improvvisa scomparsa di qualcosa a cui ci si sente di appartenere. Vuoti nuziali è il titolo della performance di cui La Vedova è figura centrale, dove la sua relazione con lo spazio fa emergere lati inediti della realtà, smontando e decostruendo la percezione convenzionale del mondo attorno.

«L’archetipo della “vedova” illustra una chiave di lettura al femminile di tematiche universali – spiega la performer e coreografa – come il rapporto con l’emotività, la perdita, il disamore. La Vedova è uno stato permanente di entusiasmo autoindotto alternato a momenti di delusione dovuti all’incontro con la realtà. La Vedova indossa sempre occhiali da sole, è caustica, dissacrante, spregiudicata e si prende gioco dei cliché e dei falsi sorrisi. LA VEDOVA non vuole raccontare la sua storia, la sua provenienza, il perché della sua condizione, ma è una figura dissacrante che si palesa in forme pop che calibrano il senso tragico del quotidiano e il sarcasmo con cui lei guarda la realtà».

Marianna Miozzo

Danzatrice, coreografa e docente, formata presso il Real Conservatorio Profesional de Danza Mariemma di Madrid, ha approfondito il lavoro di Shahar Dor, Katleene Hermesdolf, David Zambrano, Bruno Caverna, Rasmus Olme, Katleene Hermesdolf, K.J. Homes, Urs Stauffer, Eva Karczag, Thomas Hauert, Martin Kilvady, Damien Jalet, Simona Bertozzi, Marcos Morau e Claudia Dias. Come danzatrice e performer ha lavorato con La Cabra Cia (Argentina-Spagna), la compagnia Nada Que Ver (Spagna) e ha collaborato con Dance Why Project (Italia), La Pochanostra (Messico) e i coreografi Sharon Fridman, Pedro Berdayes e Jose Reches e Carmen Werner (Provisional Danza). Ha collaborato inoltre con gli attori Stefano Vercelli e Silvia Pasello. Dal 2005 conduce laboratori rivolti a professionisti e amatori in Italia e all’estero. Nel 2011 fonda Dancewoods, piattaforma di cui segue la direzione artistica realizzando progetti come: Dancewoods Festival, Ugo Festival; quest’ultimo, progetto internazionale che da anni riunisce danzatori provenienti da tutto il mondo in un contesto rurale dell’Appennino modenese e nella città di Modena. Dal 2014, Dancewoods ha sede a Drama Teatro di Modena e collabora strettamente con Artisti Drama per la realizzazione di progetti artistico-culturali e produzioni di danza e di teatro. Il suo percorso autoriale comprende ‘Again’, spettacolo realizzato assieme a Marina Meinero e Marco Marzaioli che è stato presentato in Italia, Palestina e Francia; ‘Litost – the otherness’, a solo creato in collaborazione con lo scrittore e psicanalista Gabriele Dalla Barba e la musicista e ricercatrice vocale Meike Clarelli, arrivato finalista al Premio Outlet 2016 e che ha visto il supporto di Anticorpi, Cantieri Danza e Artisti Drama. ‘Fisica di un legame’, interpretato da Marianna Miozzo e Suzanne Foster, coprodotto con Artisti Drama.

LA VEDOVA, progetto performativo, vede la creazione dello spettacolo ‘Vuoti Nuziali’ in collaborazione con Riccardo Palmieri, e azioni performative intese anche come social influencer. ‘Brevi Luoghi Mai Accaduti’, trilogia di performance site-specific, coprodotto con Teatri Del Cimone.

Fabbrica del Vapore, via Giulio Cesare Procaccini 4 Milano (MM5 Monumentale)

Info: Tel. 342 945 9493, [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.