“L’orso ‘nnammurato”, al Nuovo Cinema Palazzo il libro di poesie divenute canzoni

Aggiornamento:

Alessio Sollo e Claudio Domestico insieme a donpasta presentato “L’orso ‘nnammurato”.

Sollo&Gnut Foto: Angelo Trani

L’orso ‘nnammurato è un libro di poesie, ed è anche un CD.

La data romana per la presentazione del progetto si svolgerà venerdì 22 febbraio (ore 21:30) al Nuovo Cinema Palazzo, luogo ideale per intrecciare libri e musica in una trama d’atmosfera che risuonerà di dialetti, parole e suoni.

A presentare l’evento con Sollo e Gnut ci sarà donpasta: performer, dj, economista e attivista che ci introdurrà alla poetica di Sollo, alla storia del progetto e all’incontro dei due artisti. A seguire il live.

Alessio Sollo, napoletano nato nel quartiere Bagnoli ai tempi dell’Italsider, di 29 febbraio. Musicista e cantante di estrazione punk da sempre, scopre da qualche anno la vocazione alla poesia, sia in vernacolo sia in italiano.

Claudio Domestico, in arte Gnut, nato a Napoli nel 1981, è un cantautore, chitarrista, produttore e compositore di colonne sonore. Le sue influenze sono ampie: dal folk inglese di Nick Drake e John Martin al blues, alla musica napoletana e alle melodie africane del Mali.

L’orso ‘nnammurato, pubblicato da ad est dell’equatore ed uscito in distribuzione nazionale lo scorso 25 gennaio, è composto da 66 poesie, 14 delle quali divenute canzoni, musicate, cantate e suonate da Gnut insieme ai musicisti della sua band (Marco Caligiuri, Valerio Mola, Luca Caligiuri, Gianluca Capurro, Michele Signore, “Mr. Coffee” Daniele Rossi e Carlo Di Gennaro) e ospiti speciali quali Ciro Riccardi, Brunella Selo, Dolores Melodia, Andrea Tartaglia, Monia Massa, Luca Rossi e Alexander Cerdà.

Nel libro, si affacciano qua e là, tra le poesie, anche le partiture musicali delle canzoni del disco, i credit con i nomi dei musicisti e alcuni scritti di Alessio Sollo, oltre ad un nutrito glossario perché, come diceva Pino Daniele, “Si capisce è buono, sinnò te futte”. Ma senza esagerare.

Link per l’acquisto del libro sul sito della casa editrice. 

Precedente "Pagine strappate", allo Spazio 128b un inno alle piccole cose che contano Successivo Violenza sulle donne, al Teatro Ivelise "Mi chiamo Agata"

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.