“Lusso, prestigio, politica e guerra nella Sicilia del Trecento” La mostra dedicata ai Chiaramonte visitabile fino al 6 Gennaio 2020.

L’esposizione è stata presentata venerdì 25 ottobre nelle sale del complesso monumentale del Palazzo dello Steri e sarà visitabile dalle 10:00 alle 18:00 fino al 6 gennaio.

di Maria Carola Leone

Palermo, Palazzo Chiaramonte

La mostra, ospitata all’interno della sede del Rettorato dell’Università degli Studi di Palermo, tende a valorizzare non solo i pezzi scelti ma anche il complesso monumentale in cui è inserita.  Il Palazzo Steri è stata la dimora di Manfredi III di Chiaromonte, Conte di Modica e Signore di Palermo e Agrigento, esponente delle altre famiglie che amministravano la Sicilia (Alagona Conte di Mistretta, Francesco Ventimiglia Conte di Geraci e Guglielmo Peralta Conte di Caltabellotta).

“Chiaromonte – Lusso, prestigio, politica e guerra nella Sicilia del Trecento –Un restauro verso il futuro” racconta grazie a riproduzioni e filmati l’ascesa al potere dei Chiaromonte. Le strategie politiche e la produzione architettonico-culturale ha definito i tratti principali del XIV secolo siciliano.

Nell’immaginario collettivo l’ascesa al potere di questa famiglia ha dato vita a numerose scaramucce con il potere regale del periodo. Nonostante ciò è innegabile affermare che il loro stile, inserito nella cornice mediterranea, è un fil-rouge con l’arte e la società trecentesca. Il bagaglio storico che dovettero affrontare i Chiaromonte fu assai ingombrante, basti pensare al periodo normanno e svevo precedente alla loro ascesa, e toccava non solo la Sicilia ma anche Napoli, la Toscana, il sud della Francia e la Corono d’Aragona.

Il percorso si divide in tre macro aree: la Chiesa di Sant’Antonio Abate, la Sala delle Armi e la Sala dei Baroni. 

Le opere della Chiesa di Sant’Antonio Abate

All’interno di questa struttura religiosa sono esposti esempi di arte sacra trecentesca tra cui il Crocifisso Gotico-doloroso, adesso custodito nella Cattedrale di Palermo, donato nel 1311 da Manfredi I Chiaramonte, la piccola icona con la Madonna Haghiosortitissa portata nel 1309 a Palermo grazie al Beato atanasio Chiaromonte. Nello stesso spazio sono inseriti codici miniati, dipinti, croci e suppellettili liturgiche che sono stati presi dalla Arcidiocesi e dalle Diocesi di Palermo, Monreale, Agrigento, Acireale, Caltagirone, Catania, Cefalù, Mazara del Vallo, Messina, Nicosia, Piazza Armerina, dal Palazzo Abatellis, dal Museo Salinas, dalla Biblioteca Bombace e dal Museo Diocesano di Palermo.

Nella Sala delle Armi sono esposti diversi esempi: tavole del celebre soffitto della sala dei Baroni, tavole con ceramiche e vetri recuperati dal Museo Salinas. Oltre ai reperti liturgici troviamo anche stoviglie quotidiane, rari cofanetti in avorio, legno dorato, i capitelli, manoscritti letterari, pergamene, disegni e incisioni e molto altri.

Nel soffitto della Sala dei Baroni è stata posizionata una ricostruzione in 3D.  È stato realizzato anche un audio-video che fa vedere le testimonianze ancora visibili in Sicilia dei Chiaromonte.

I visitatori riusciranno ad ascoltare dei brani, sacri e profani, del XIV secolo tratti dai manoscritti della Chiesa di Sant’Antonio Abate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.