“Non farmi Muro!”, 40 fotografie raccontano Berlino dal 1989 a oggi

Al Museo delle Mura di Roma dal 13 ottobre al 10 novembre 2019.

di Elisabetta Corsi

Il Muro di Berlino | Foto: Elisabetta Corsi

Il Museo delle Mura di Roma ospita dal 13 ottobre al 10 novembre 2019, la mostra “Non farmi Muro!”, una selezione di oltre 40 fotografie che evidenziano come è cambiata la città di Berlino dal 1989 a oggi.

Sarà il gran finale della Settimana tedesca (6-12 ottobre), un progetto dell’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania a Roma.

La mostra, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale-Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e organizzata dall’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania con i servizi mussali di Zètema Progetto Cultura, è a cura di Clara Labus e Julian Rossler e sarà inaugurata sabato 12 ottobre, alle ore 11:00.

Una riflessione sullo sviluppo di una città nel cuore dell’Europa attraverso quattro diverse proposte fotografiche: le immagini di Livio Senigallesi della Berlino del 1989, quelle di Daniel Pilar e VisitBerlin della Berlino di oggi e, infine, una sezione intitolata “Il cammino verso l’unità tedesca” realizzata dall’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania in collaborazione con la Bundesstiftung Aufarbeitung.

Porta di Brandeburgo| Foto: Elisabetta Corsi

Berlino 1989: “Da Mosca soffiava il vento della Perestroijka, portando voglia di democrazia e libertà. É un passato che non dobbiamo dimenticare” scrive Livio Senigallesi, che si trovava a Berlino in quel periodo così importante per la Germania e per l’Europa.

Il 9 novembre 1989 cadde il Muro che aveva separato il Paese e la città di Berlino per quasi 30 anni creando, di fatto, due città diverse: Berlino ovest e Berlino est, la capitale della RDT.

Durante la divisione del Paese non ci si poteva muovere liberamente tra le due parti della città: era obbligatorio possedere un permesso. Una ferita aperta che ha separato famiglie e amici per tanti anni.

Berlino negli ultimi 30 anni si è trasformata da “città murata” a città libera, con più di tre milioni di abitanti. La caduta del Muro ha lasciato nel panorama urbano spazi inutilizzati che i berlinesi e i nuovi abitanti hanno reso spazi creativi: dall’arte della Brunnenstrasse alle start-up del Moritzplatz, che ora godono finalmente dell’accesso libero al fiume Sprea.

“Non farmi Muro!”

Berlino è oggi una città moderna e una metropoli vitale: nota per la sua architettura, i festival e la vita notturna è visitata ogni giorno da innumerevoli turisti ed è una delle capitali europee preferite dai viaggiatori.

Il museo è aperto da martedì a domenica dalle 9:00 alle 14:00 ed è a ingresso gratuito.

Per maggiori informazioni : telefonare al numero 060608 (tutti i giorni dalle 9 alle 19) oppure consultare italien.diplo.de/it-it/Nonfarmimuro; www.museodellemura.it; www.zetema.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.