‘Nta ll’aria, all’Auditorium Centro Sociale di Salerno lo spettacolo di Tino Caspanello

Prosegue la stagione Mutaverso Teatro all’Auditorium Centro Sociale di Salerno (via R. Cantarella 22) venerdì 23 marzo alle ore 21 con uno spettacolo di un autore e regista già applaudito sul territorio grazie alle iniziative a cura del direttore artistico Vincenzo Albano, Tino Caspanello, che fa ritorno con Nta ll’aria, produzione Teatro Pubblico Incanto di cui sono interpreti Cinzia Muscolino, Tino Calabrò e Alessio Bonaffini.

Due operai, un balcone da dipingere, parole senza peso per fare scorrere il tempo. Potrebbe essere così, per sempre, se non arrivasse qualcuno che è fuori dal disegno, qualcuno che non sa dove andare, che però ha molto da offrire, tra un caffè e l’altro, tra un bicchiere di vino e un sogno rubato.

‘Nta ll’aria vuole raccontare una storia mettendo la lente di ingrandimento sulle fugaci percezioni quotidiane, ingrandendole fino a trasfigurarle in altre esistenze attraverso le quali è tutto il macrocosmo a rivelarsi, nella sua straordinaria molteplicità.

La vicenda di due imbianchini, intersecata a quella di una donna che irrompe all’improvviso nella routine, è una riflessione sui condizionamenti che, troppo spesso, ci impediscono di accettare l’altro, il diverso da noi, solo perché la sua diversità rappresenta una minaccia alla nostra presunta normalità.

E in questo senso la voce di Tino Caspanello, sempre accogliente nella sua semplicità e immediatezza, parla anche del tempo che stiamo vivendo, raccontando il miracolo che può accadere quando sulla strada incontriamo qualcuno che ci fa vedere cose che non avevamo ancora notato. Una sorta di santo, un folle, un poeta. Qualcuno, insomma, in grado di ricondurci nei luoghi in cui la vita si addensa secondo le regole del caos più ordinato.

La lingua del testo è il dialetto della parte messinese della Sicilia, semplice, scarnificato, ridotto a volte a puro suono e la scrittura, ispirata al parlare quotidiano, senza alcuna intercessione stilistica; evita di scendere in profondità, per lasciare al pubblico spazi per interventi personali, luoghi di vuoto da colmare con la propria partecipazione.

Tino Caspanello è già stato ospite durante la prima edizione di Mutaverso Teatro nel 2016 con Mari, premiato spettacolo che Vincenzo Albano ha voluto poi riproporre l’anno successivo per la rassegna ‘TeatrInBlu’ da lui curata a Cetara, paesino della Costiera Amalfitana, dove lo spettacolo è andato in scena su una tonnara, in mezzo al mare, riscuotendo un successo strepitoso.

AUDITORIUM CENTRO SOCIALE Via R. Cantarella 22, Salerno (zona Pastena) – 23 marzo 2018, ore 21

Biglietto intero: 12 euro – Biglietto ridotto: 9 euro – per under 25, over 65, studenti universitari (esibire carta studente) – tesserati ARCI Salerno, InformaGiovani Salerno, Rete dei Giovani per Salerno (esibire tessera al botteghino) – allievi dei laboratori teatrali di Salerno e Provincia – gruppi di minimo 5 persone (solo in questo caso previa prenotazione) -abbonati del Cineforum del cinema “Fatima” di Salerno. Possibilità di acquisto tramite carta del docente.

Info e prenotazioni: [email protected] |Tel. 329 4022021 | 348 0741007

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.