“La rabbia e l’energia aggressiva”, percorsi di rigenerazione umana alla biblioteca nazionale di Napoli

Un percorso di educazione all’espressione e alla condivisione delle forze vitali che sono in noi e che non vanno represse o nascoste

di Daniela Merola

“La rabbia e l’energia aggressiva”

Mercoledì 19 giugno 2019 dalle ore 16:30 alle 18:30 presso la Biblioteca Nazionale di Napoli in piazza del Plebiscito, 1, alla Sala Rari, sarà presentato il libro “La rabbia e l’energia aggressiva” a cura della psicoterapeuta dottoressa Francesca Cannata, libro edito da homo scrivens.

All’interno del volume testi della stessa Cannata, di Chiara Catapano, di Federica Fusco, di Lorenzo Pace, di Caterina Ventura, di Maria Beatrice Giordano, di Serena Giorgio Marrano, di Alexandra Palamidesi. Un percorso che racconterà come si arriva ad una rigenerazione umana partendo da bambini quando è necessario.

Insieme agli autori dei testi interverrà la dottoressa Lynn Stadler, psicoterapeuta e trainer, membro della Fondazione Oaklander. La dottoressa parlerà della “rabbia e dell’energia aggressiva” vista con il metodo Gestalt in riferimento ai bambini e agli adolescenti. Un intervento molto istruttivo per capire bene come si può intervenire sin dai primi segnali nei giovani.

“La rabbia e l’energia aggressiva” è un libro che aiuta a individuare, capire e gestire questi sentimenti che sono in ognuno di noi.

L’evento sarà introdotto dall’editore Aldo Putignano di presentato dalla dottoressa Cannata.

Sarà presentato inoltre il video “Diamo voce alle emozioni- la rabbia spiegata ai bambini” della dottoressa Federica Fusco.

“La rabbia e l’energia aggressiva” propone un percorso di educazione all’espressione e alla condivisione delle forze vitali che sono in noi e che non vanno represse o nascoste ma vanno individuate e gestite con un percorso di “rigenerazione umana”. Tutto il percorso è un passo fondamentale per guardare con serenità e positività al futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.