Quando la Sicilia era inglese

Il vino Marsala simbolo di uno dei settori maggiormente redditizi della Sicilia tra la fine del XVIII e gli inizi del XIX secolo. L’esportazione in tutto il mondo grazie a John Woodhouse e l’importanza imprenditoriale della famiglia Florio in piena Belle Epoque.
Passaggio di don Redin ad Acireale. Dipinto di Giacinto Platania del XVII secolo

La Sicilia, isola crocevia di civiltà e cultura, è stata da sempre ricca di intellettuali che l’hanno plasmata in base ai cambiamenti sociali e storici. 

Tra la fine del XVIII e gli inizi del XIX secolouno dei settori maggiormente redditizi del territorio fu il vino interamente monopolizzato dai britannici. Il primo che riuscì a conoscere e apprezzare il vino dolciastro dell’area – il Marsala – fu John Woodhouse. Grazie a lui i prodotto fu lavorato ed esportato in tutto il mondo a partire dal 1770, l’attività commerciale fu continuata da Benjamin Ingham e il nipotino Joseph Whitaker.  

Era il 1834 quando la cantina della famiglia Florio si trasformò in poco tempo in imponente complesso industriale moderno. A fine del secolo raggiunge livelli di fatturato e popolarità davvero stellari. Il Marsala Florio è ancor oggi uno dei vini più apprezzati e venduti a livello mondiale.

I Florio furono delle figure imprenditoriali davvero importanti per la Sicilia moderna in piena Belle Epoque. Giunsero a Palermo quando correva l’anno 1799, non erano aristocratici, e decisero di aprire un’attività commerciale. Da quel momento diedero vita a vari progetti (tra questi anche la nascita di compagnie di navigazione) e crearono la produzione del tonno in scatola. Crearono uno stabilimento nell’isola di Favignana dove diedero vita a una tonnara. Tra le numerose ”innovazioni” ricordiamo l’affascinante Targa Florio, nota gara automobilistica che si svolge tra le curvilinee strade delle Madonie.

Il loro ingegno, intraprendenza e intelligenza è stato vitale per la corsa al successo e alla ricchezza. Palermo e l’intera Sicilia si è aperta all’Europa e al mondo interno facendo conoscere costumi, usanze e tradizioni senza mai tralasciare l’innovazione e l’eleganza. Classico esempio di raffinatezza dei Florio furono gli emergenti mobili in legno dei Ducrots.

 Il loro ingegno, intraprendenza e intelligenza è stato vitale per la corsa al successo e alla ricchezza. Palermo e l’intera Sicilia si è aperta all’Europa e al mondo interno facendo conoscere costumi, usanze e tradizioni senza mai tralasciare l’innovazione e l’eleganza. Classico esempio di raffinatezza dei Florio furono gli emergenti mobili in legno dei Ducrots.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.