Renato Aiello

Napoletano, giornalista pubblicista dal 2009 – e pubblicato dal 2001 -, studi in comunicazione di massa e cinema, fotoamatore, videomaker, prende parte dal 2014 al 2017 ai workshop e alle giurie del Social World Film Festival di Vico Equense, realizzando album fotografici e video per contest relativi all’evento cinematografico. Nel 2016 partecipa a un progetto internazionale di scambio culturale con il CCA di San Francisco, il California College of Arts, producendo clip e foto dei grattacieli del Centro Direzionale di Napoli, proiettati successivamente in una collettiva della stessa accademia californiana. Aderisce a diverse mostre collettive tra 2016 e 2017, tra cui “L’Arte in Vetrina” (con la menzione speciale del gallerista Piero Renna, direttore del P.R.A.C, per una sua fotografia), l’esposizione dei 150 artisti di SOSPartenope al Castel dell’Ovo e alla Basilica di San Giovanni Maggiore, e per due volte al Museo del Tesoro di San Gennaro con il Club per l’Unesco di Napoli, con una foto del mural di San Gennaro all’ingresso di Forcella e due scatti delle sculture di Mitoraj a Pompei. Filmmaker, nel 2015 realizza per la Protomgroup un filmato sul primo software di Fisica per le LIM nelle scuole superiori (Scuolab – WALL-T), mentre nel 2016 pensa, produce e dirige un video per il Social World Film Festival di Vico in un montaggio ritmato sulle musiche di apertura della serie tv “Il Trono di Spade”, immaginando i luoghi della kermesse come i sette regni della saga. La sua prima personale ha riguardato il  primo anniversario delle stragi del Bataclan a Parigi. Guida l’ufficio stampa e la comunicazione di una pasticceria impegnata nel sociale ai Quartieri Spagnoli.

Leggi i suoi articoli.