Romaeuropa Festival per #Laculturaincasa, il programma dal 6 al 12 aprile

Romaeuropa Festival aderisce alla campagna #Laculturaincasa e continua ad esplorare sulla sua pagina Facebook il materiale d’archivio delle sue trentaquattro passate edizioni. Il programma della settimana.

Comunicato – Prosegue anche questa settimana il percorso tra interviste e pillole video proposto dalla pagina Facebook del Romaeuropa Festival che per il programma #laculturaincasa, proposto da Roma Capitale in linea con la campagna nazionale #Iorestoacasa, esplora le sue passate trentaquattro edizioni in attesa del 35esimo anniversario.

Questa sera (6 aprile) è la coreografa Dana Gingras, fondatrice della compagnia canadase Holy Body Tattoo, a raccontare Monumental, lo spettacolo presentato insieme alla band cult Godspeed You! Black Emperor durante il Romaeuropa Festival 2017. Martedì 7 un’altra video-intervista riporta alla memoria lo splendido omaggio a John Cage firmato dal coreografo portoghese Rui Horta nello spettacolo Danza Preparata, coprodotto dal Romaeuropa Festival 2012 e presentato al Teatro Palladium. È il compositore Fabrizio Cassol a raccontare, nella pillola video di mercoledì 8, Coup Fatal, spettacolo realizzato con il celebre Alain Platel e con il musicista congolese Serge Kakudji, presentato durante il Romaeuropa Festival 2014: un’ode ai “sapeurs” e ai dandy congolesi nel segno della multidisciplinarietà e della commistione culturale.

Si aggiunge all’energia di questo spettacolo, giovedì 9, un altro appuntamento con la musica nell’intervista realizzata con L’orchestre d’hommes-orchestres in occasione del loro live dedicato a Tom Waits, in scena al Romaeuropa Festival 2016. Dalla stessa edizione del festival proviene la video-intervista realizzata alla compagnia francese Stereoptik quell’anno impegnata con il magico Dark Circus, spettacolo dedicato ai bambini e alle loro famiglie, proposta online venerdì 10.

Sabato 11 focus dedicato a Jan Fabre con due delle sue più importanti creazioni presentate durante le ultime edizioni del festival: dal REf15 la pillola video realizzata in occasione del monumentale Mount Olympus (spettacolo di 24 ore, premio UBU 2016 come miglior spettacolo straniero), dal Ref17 il racconto di Belgian Rules/Belgium Rules dell’attrice Anny Czupper della compagnia Troubleyn Jan Fabre.

Chiude questa settimana di interviste, domenica 12, il coreografo e danzatore Emio Greco in dialogo con il suo Passione, spettacolo realizzato in collaborazione con il drammaturgo Pieter C. Scholten e con le musiche di Franck Krawczyk basate su “La Passione secondo Matteo” di Bach.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.