“Torniamo umani”, le riflessioni di Giorgia Butera

di Daniela Merola

“Torniamo umani”, riflessioni sui diritti umani, è il libro della dottoressa Giorgia Butera, uscito da poco e edito da Fiori d’acciaio. Giorgia Butera è sociologa della comunicazione, Presidente dell’associazione umanitaria Mete Onlus e advocacy di Fiori d’acciaio e anche scrittrice. “Torniamo umani” è incentrato su vari focus nei quali la dottoressa Butera mette in risalto e riflette sui vari argomenti riguardanti i diritti umani violati nel mondo. Ogni focus contiene una intervista ad una personalità importante italiana e internazionale. Per il focus sui bambini c’è l’intervista a Andrea Bellardinelli, coordinatore di Emergency Italia nel mondo e una riflessione di Cecilia Strada, Presidente di Emergency Italia. Per il focus rifugiati c’è l’intervista con Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo. C’è anche il contributo di Aicha Duihi, militante per i diritti umani e Presidente dell’Osservatorio internazionale per le vittime di Tindouf, campo di prigionia che si trova in Algeria e verso le quali vittime, per la maggior parte donne, la dottoressa Butera si è battuta e continua a battersi per la loro liberazione. Per il focus donne c’è l’intervista con Laura Silvia Battaglia, giornalista freelance e documentarista di vari reportage in Yemen. In “Torniamo umani” c’è tutto l’impegno umanitario di Giorgia Butera, le sue innumerevoli battaglie per i diritti umani violati, calpestati e negati in tutte le parti del mondo. Una donna che ha fatto della capacità di manifestare le proprie idee, attraverso l’impegno e l’intelligenza, il suo scopo nella vita, la sua missione di vita. La dottoressa Butera ha capito sin da subito che l’agire è l’unico modo per rendere il mondo un posto migliore, ha capito che combattere con le idee per rendere il mondo uguale in tutti i posti più lontani del mondo sia l’unico modo per eliminare le discriminazioni e le violazioni dei diritti umani. La dottoressa Butera ha manifestato il suo dissenso verso le ingiustizie che colpiscono gli esseri umani e teso la mano verso chi non ha voce per ribellarsi. Tutto questo è raccontato in “Torniamo umani” e non poteva esserci titolo migliore per un libro che tratta di diritti umani negati. L’umanità ha perso da tempo il senso reale del termine e le ingiustizie hanno preso il sopravvento nelle zone più povere del mondo. Il libro è perciò un appello al mondo che vogliamo, è un appello che urla giustizia, è un appello per un mondo “civile” ovunque , è una richiesta di umanità affinché non esistano più soprusi sulle donne, sui bambini, sui rifugiati. Denunciare le violenze che accadono nel mondo è un atto di civiltà e di umanità a cui nessuno può sottrarsi. “Torniamo umani” verrà presentato sabato 17 febbraio 2018 a Villa Niscemi, Palermo e sarà moderato dalla giornalista Elvira Terranova. L’evento ha ottenuto il Patrocinio del Comune di Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.